G. Milano, G. Bordone-e-pietro-martire-locarni, and . Compagni, Da notare la visione divergente di Busca, rispetto a quella espressa da Machiavelli nell'Arte della guerra, sulla natura più o meno deleteria degli errori diffusi attraverso i libri. Mentre il Segretario ritiene che gli errori commessi « scrivendo possono essere sanza danno d'alcuno corretti, ma quegli i quali da loro sono fatti operando, non possono essere, se non con la rovina degli imperii, Sulla polemica tra Busca e Patrizi, si rimanda a Michel Pretalli, vol.1601, p.27

D. Francesco-ferretti and . Cit, , p.4

. Ibid and . Vi, arte militare si percepisce nel riferimento ai « castelli in aere » e si manifesta in maniera ancora più netta in un passo successivo dove l'autore si scaglia contro quelli che considera « ambitiosi professori di dottrine di bassa lega, otiosi, negligenti e fingardi » (ibid, p.477

F. Patrizi, . Di-polibio, T. Di, . Liuio, . Di-dionigi et al., Interessante ricordare che Patrizi affermava di essere il primo ad aver veramente riportato in luce la milizia antica (ibid., dedica ad Alfonso II, pp.301-302, 1583.

L. Fu-pubblicata-in-due-parti-:-francesco-patrizi and P. Militari, Ne' quali si fa paragone delle milizie antiche, in tutte le parti loro, con le moderne, Roma, appresso Luigi Zannetti, 1594; Della militia riformata. Nella quale s'aprono, i modi, e l'ordinanze varie degli antichi, p.1595

. Supra, , pp.15-19

A. Dialogi, G. Venezia, and . De'-gregori, LXV-LXXIII. Secondo Sidney Anglo, Brucioli « uses material from the Arte della guerra with lacklustre exactitude. » (anglo, Machiavelli?, p.33, 1526.

. Francese-blaise-de-vigenère, Anglo scrive che « like every other sixteenth-century writer working with the bookish

. Ibid and . Cc, , pp.4-6

. Ibid and . Cc, , pp.1-2

, che Warren Van Egmond considera come « standard contents of an abbacus book » (Warren van egMond, Practical Mathematics in the Italian Renaissance : a Catalog of Italian Abbacus Manuscripts and Printed Books to 1600, Istituto e Museo di Storia della Scienza, issue.1, p.19, 1980.

. Per-le-analogie-formali, , pp.86-89

, Come afferma Girolamo Cataneo nel passo citato in precedenza, la « di

, Per esempio in cataneo, pp.158-159

, Per esempio ibid., c. 9r

. Ibid and . Cc, , p.6

. Ibid,

, Vedi supra, p.64

. Ibid, , pp.258-260

. Ibid, , pp.261-262

, Vegezio, Epitoma Rei Militaris, IV, 1 e 2), nell'osservazione di Fabrizio Colonna sulle « cateratte, Sono stati identificati riferimenti a Vegezio nei commenti iniziali sulle fortezze, vol.22, p.262

A. Machiavelli and . Vii, , p.253

. Risponde-a-questa-descrizione-anche-achille-tarducci, autore de Il Turco vincibile in Ungaria in cui sono presenti diversi riferimenti all'opera di Machiavelli, come segnalato da Rodolfo de Mattei (cit, pp.486-490

S. Tarducci, , 2005.

, Rimandiamo anche alle osservazioni fatte in precedenza a proposito delle caratteristiche principali degli scritti di questa categoria (supra, pp.50-52

. Ferretti, , vol.II, p.71

. Ibid, Il passo citato : Machiavelli, Adg, VII, p. 1018. 248 ferretti, Dell'osservanza cit, vol.II, p.71

, 256 gli esempi addotti dall'autore per illustrare il proprio ragionamento provengono dalla sua conoscenza diretta o da quella di altri uomini di guerra che aveva frequentato, 257 e non da quella ereditata dagli antichi, la cui analisi viene lasciata agli « historici ». Riecheggiando in senso opposto -volontariamente? -le parole di Fabrizio Colonna quando dichiarava «Io non mi partirò mai, con lo essemplo di qualunque cosa, da' miei Romani», 258 Ferretti scrive infatti: «quantunque conosciamo, che gli ricordi, le regole, et li costumi, liquali di mano in mano s'adducono, potriano maggior fede acquistare, quando fossero confermati con essempi d'accidenti, et con historie di casi avvenuti in questo essercitio, non dimeno perche la nostra intentione è di non partirsi da quello, gli scritti degli uomini del mestiere. 255 Nel caso specifico dell'Osservanza

, inserirvi altri essempij, che quelli, che vi si leggono, à fine di brevità; lasciando in consideratione à buoni Historici lo rassimigliare et comparare questi con quelli, p.259

. Del, Ferretti aveva annunciato la natura dei saperi che fondavano il suo ragionamento, affermando di scrivere secondo quanto ha imparato « per la prattica, et la esperienza in questa nostra età, ancorche non ben'matura, essercitata in alcune guerre passate, dentro, et fuori d'Italia, al servitio d'honoratissimi signori

, Nei dialoghi militari della seconda metà del Cinquecento, si osserva una suddivisione precisa del testo in zone centrali 'tecniche' -volte alla trasmissione dei principali saperi legati all'arte -e zone periferiche più strettamente legate alle necessità del diletto e in cui si trova per esempio la maggior parte dei riferimenti all'Antichità (su questo aspetto : Michel Pretalli, « Normes de composition dans les dialogues sur l'art de la guerre de la seconde moitié du XVI e siècle, Écritures norme?es et professions (Moyen Âge-XVI e siècle), pp.101-110, 2019.

. Non-È-un-caso, che il termine 'osservanza' indicasse proprio una « norma pratica ricavata per lo più dall'esperienza e utile nell'esercizio di un arte o di una professione » (Salvatore battaglia, p.212

, Ferretti indica puntualmente il nome di questi soldati, come dimostrato dai pochi ma significativi esempi che seguono, tra i molti che figurano nel testo : ferretti, Dell'osservanza cit., I, pp.43-44

A. Machiavelli and I. , , p.38

. Ibid, Esistono edizioni precedenti dell'Osservanza (sempre a Venezia dagli stessi editori, nel 1567 e nel 1568) ma ho preferito far riferimento a quella del 1576 in quanto si tratta di sottolinea questo concetto. Più avanti, per esempio, egli esprime la sua convinzione che la materia di cui tratta « più consista ne' fatti

. Della-guerra-le-cognizioni-personali-di-machiavelli, In altri termini, oltre lo scarto, dal punto di vista quantitativo -durata e numero di operazioni militari -e qualitativo -prossimità e partecipazione a tali operazioni -, che divide l'esperienza accumulata in campo militare dal Segretario da quella degli specialisti dell'arte come Giulio Cesare Brancaccio ricordato in precedenza o Francesco Ferretti, 263 è la problematica di fondo a essere di natura differente. In questo senso è particolarmente significativa la prospettiva tecnica adottata da quest'ultimo nell'Osservanza. Il primo libro, infatti, si apre con la descrizione delle qualità del buon soldato -un soldato di professione, si noti -nella una versione rivista ed aumentata. Non si sa esattamente quale fosse l'età dell'autore -che egli stesso definisce « non ben matura » -al momento della stesura del testo, ma si può notare che il passo citato è presente anche nell'edizione del 1568 -e probabilmente in quella pubblicata l'anno precedente, benché non mi sia stato possibile consultarla

. Ibid,

. Ibid,

«. Ferretti, . Fu, F. Di-villanova-di-mondovì, . Di-osegna-e-centallo, and . Torino, Combatté inoltre a Ingolstadt sotto il colonnello Borghese da Siena e fu poi con Landriani al servizio del duca d'Urbino Guidobaldo II, governatore generale delle armi veneziane e nella guerra del 1556 fu di presidio a Roma quale sergente maggiore del Terzo urbinate di Aurelio Fregoso. Nel 1557, inviato dal duca a perorare la causa di Landriano (detenuto a Milano) presso Filippo II, lo raggiunse in Fiandra e in Inghilterra, approfittandone per studiare i progressi delle artiglierie, delle fortificazioni e della cartografia. Tornato in patria, nel 1565 levò una carta di Ancona e della provincia a istanza del conte d'Altemps generale pontificio, e comandò 250 fanti del Terzo di Jacopo Malatesta inviato dal duca d'Urbino a sostituire le truppa spagnole di Napoli a loro volta inviate in soccorso di Malta. Nel 1569 (25 dicembre) fu fatto cavaliere di Santo Stefano dal Granduca Cosimo, dedicatario del trattato Dell'Osservanza militare. Nella guerra di Cipro fu infine per 10 mesi (1573) sergente maggior generale del presidio vene, Scrittori militari italiani del XV-XVIII secolo, p.177, 2011.

D. Il-soldato-erudito and . Mora, dedica ad Ottavio Farnese il suo trattato Il soldato «accioche vedutolo, possa giudicare quello, che io vaglio per servirla, sì come in ogni occasione mi troverà prontissimo.» (Domenico Mora, Il soldato, Venezia, Gabriel Giolito de' Ferrari, 1570, dedica a Ottavio Farnese) Allo stesso modo, l'ingegnere Carlo Theti, offre la sua « operetta » al suo dedicatario affinché « riconosca alcuna particella di quel poco ch'io ho imparato della fortificatione

. Ferretti, , vol.II, p.58

. Ibid, A. Ii, and . De'-medici,

, Il ponte di Giulio Cesare sul Reno costituisce da questo punto di vista una sorta di modello archetipale (Giulio cesare, vol.17

, Più generalmente, la letteratura militare doveva combinare l''utile'dei saperi tecnici al 'dilettevole', procurato tramite diversi espedienti compresi i 'secreti

. Ferretti and . Ii, In questa seconda parte, inoltre, il testo assume una forma più libera, meno sistematica, poiché rispetto alla prima l'autore ha deciso di « cambiare il modo di ragionare » e di convertirlo « in stile di discorso, et d'opinioni » (ibid). Tali opinioni rimangono « fondate però sopra li costumi et regole già nel precedente libro dette, et sopra la prattica, osservanza, p.59

M. Pretalli and . Le, Le partage du secret. Cultures du de?voilement et de l'occultation en Europe, du Moyen Âge à l'e?poque moderne, Armand Colin, pp.259-260, 2013.

. Ferretti, Anche Eugenio Gentilini, per esempio, descrive questo 'secreto' (Breve discorso in dialogo sopra le fortezze, vol.II, p.80

. Ferretti, , vol.II, p.77

, Sidney Anglo segnala un'altra opera che avrebbe potuto condurci alla medesima conclusione, ossia la Vera militar disciplina del soldato letterato Imperiale Cinuzzi, opera permeabile alle idee di Machiavelli in materia di politica soprattutto -l'autore attinge del resto solo occasionalmente all'Arte della guerra e molto più spesso al Principe e ai Discorsima non più qualora si entri negli aspetti particolari dell'arte (anglo, Machiavelli cit, p.496

, Arte della guerra come un'opera che « reduces the art of war to academic debate about stylised topics; and no military man could gain much profit from reading such stuff. It is not unintelligent or ill-informed. It is simply bookish. » (Sidney anglo, « Machiavelli as a Military Authority, Sidney Anglo sostiene la stessa idea, benché in maniera più radicale, p.331, 1988.

E. Robert-curtius, Letteratura europea e Medio Evo latino, Europäische Literatur und lateinisches Mittelalter, pp.219-223, 1948.

E. Heinrich-lausberg and . Di-retorica, La discussione si svolge in un locus amoenus sia nell'Arte della guerra (Machiavelli, Adg, I, p. 34) sia -in forme più o meno sviluppate del topos -nei dialoghi di Girolamo Cataneo (Nuovo ragionamento cit., c. 35v.), Francesco Ferretti (Diporti cit, vol.83, p.44, 1949.

S. Prandi, . Xvi, E. Vercelli, and . Mercurio, Come nel De amicitia di Cicerone e nel Secretum di Petrarca (Masi, s.v. « Arte della guerra », cit.), anche nell'Arte della guerra, la modalità diegetica iniziale lascia rapidamente il posto a quella mimetica pura (Paolo Paolini, « Machiavelli di fronte a una scelta : scrivere in forma di trattato o di dialogo? », in Walter geerts, Annick Paternoster et Franco Pignatti (cur.), Il sapere delle parole. Studî sul dialogo latino e italiano del Rinascimento, p.52, 1999.

P. Di and . Paolini, Segue la stessa linea critica Michela Sacco Messineo quando scrive che con l'Arte della guerra, « il dialogo si deforma nel trattato sistematico, in cui l'andamento è quello del sillogismo, in una tessitura retorica, funzionale al teorico di strategie militari. Ancora una volta Machiavelli si è servito di una forma della tradizione per alterarne la struttura, in un'operazione per certi versi paradossale, a cui non era affatto nuovo. » (Michela sacco Messineo, « La funzione del dialogo nell'Arte della guerra, p.619, 1997.

L. Mulas, . La, ». Tra-cinque-e-seicento, G. Cerina, C. Lavinio et al., The Renaissance dialogue. Literary dialogue in its social and political contexts, The Renaissance Dialogue », vol.4, pp.2-3, 1982.

O. Zorzi-pugliese, R. , and B. Editore, Le dialogue à la Renaissance. Histoire et poe?tique, « Cahiers d, Humanisme et Renaissance », vol.67, p.14, 1995.

. Per, . Di-machiavelli, «. Paolini, and C. Machiavelli-di-fronte-a-una-scelta-?-», e Michela M. Sacco Messineo, « La funzione del dialogo nell'Arte della guerra, p.607

«. Gilbert and . Machiavelli, The Renaissance of the Art of War », cit, p.12, 1944.

A. Machiavelli, Bertelli situa il dialogo di Machiavelli a metà strada, per così dire, tra il Vallo di Battista della Valle -un'opera fondata su saperi tratti dall'esperienza pratica, come lo rivendica l'autore stesso -e il De re militari libri XII di Roberto Valturio, scritto di pura erudizione. Da questa collocazione, Bertelli fa una deduzione che non condividiamo totalmente, come il presente ne attesta, secondo la quale l'Arte della guerra possederebbe le qualità dell'una e dell'altra opera e costituirebbe « un richiamo all'esempio classico, p.313, 1961.