HyperMachiavel : filologia digitale e traduzioni francesi del Principe nel Cinquecento - HAL Accéder directement au contenu
Communication dans un congrès Année : 2015

HyperMachiavel : filologia digitale e traduzioni francesi del Principe nel Cinquecento

Résumé

Siamo convinti che la storia delle traduzioni sia una parte importante della storia del pensiero occidentale, della sua letteratura, della sua filosofia e del suo pensiero politico, proprio perché il viaggio dei testi e gli effetti che producono nei paesi e nelle culture dei paesi in cui vengono introdotti dipendono dalle traduzioni. Per questa ragione abbiamo sviluppato uno strumento di raffronto tra traduzioni. Il capitolo presenta i primi risultati dell’uso di HyperMachiavel, strumento di raffronto tra l'editio princeps del Principe e le sue traduzioni in francese nel Cinquecento(di cui è ormai disponibile una versione in rete : http://hyperprince.ens-lyon.fr/ ). Questo strumento è stato sviluppato, nel quadro di un progetto del laboratorio di ricerca Triangle (http://triangle.ens-lyon.fr/ ), da Séverine Gedzelman, ingegnere, partendo da un’idea che nasce dalla pratica di traduttori e commentatori degli italianisti di Triangle. Questo strumento permette di mettere a confronto un testo con le sue differenti traduzioni in modo da riflettere, con l’aiuto delle traduzioni e aldilà dell’apparente evidenza di un testo che « tutti conoscono », da una parte, alla complessità stessa del testo di origine e ai sensi multipli delle parole adoperate « innocentemente » dall’autore, d’altra parte, a ciò che è la specificità di un tradurre in atto e agli effetti che produce. La scelta del Principe, ovviamente, non è dovuta al caso, bensì all’intimità con un testo che abbiamo tradotto e commentato [MACHIAVEL, De Principatibus. Le Prince, J.-L. Fournel et Jean-Claude Zancarini, PUF, coll. “ Fondements de la politique ”, 2000, 640 p.] Mettiamo dunque a confronto l’editio princeps (Blado 1532) con le quattro traduzioni francesi del Cinquecento : Jacques de Vintimille (1546), Gaspard d’Auvergne et Jacques Cappel (1553), Jacques Gohory (1571). Le nostre riflessioni partono dall’idea che le « letture lente » dei traduttori dicono qualcosa sul lessico del Principe, sul senso delle parole e sulla loro polisemia ; tentiamo di trattare tre aspetti : l’elucidazione dei sensi del lessico machiavelliano, la descrizione del tradurre in atto e l’analisi degli effetti di traduzione.
Fichier principal
Vignette du fichier
JCZ_HyperMachiavel_PerMarioPozzi.pdf ( 881.31 Ko ) Télécharger
Origine : Fichiers produits par l'(les) auteur(s)
Loading...

Dates et versions

halshs-01191866, version 1 (02-09-2015)

Identifiants

  • HAL Id : halshs-01191866 , version 1

Citer

Jean-Claude Zancarini. HyperMachiavel : filologia digitale e traduzioni francesi del Principe nel Cinquecento. Giornata in onore di Mario Pozzi, May 2012, Morgex, Italy. pp.153-170. ⟨halshs-01191866⟩
213 Consultations
180 Téléchargements
Dernière date de mise à jour le 26/05/2024
comment ces indicateurs sont-ils produits

Partager

Gmail Facebook Twitter LinkedIn Plus